blog

Come sarebbe dovuto finire How I met your mother

 

Il viaggio di Nabil, un poema contemporaneo sulla migrazione clandestina

«Sorprendente, originale, commovente»
Emanuela Pistone, Isola Quassùd

in anteprima
La tua email e la tua privacy sono sacre per me.
Apparso su

Diciamocelo: il finale di How I met your mother è completamente privo di senso. Quasi una decade di evoluzione dei personaggi e delle loro storie individuali completamente mandata in fumo con un singolo episodio.

HIMYM4

Il mood della serie è stato distrutto: non c’è chiusura, non c’è un messaggio. C’è solo un’accozzaglia di eventi ed un assurdo motivo che avrebbe sorretto la narrazione di Ted Mosby.

[specialbox]ATTENZIONE: SPOILER DI TUTTA LA SERIE TV HIMYM[/specialbox]

L’ombra di Barney

4182458529_8ef3b8e7b5_o

Lily: Haven’t you changed, even a little?
Barney: No, I haven’t!

Cosa ne è stato della lenta evoluzione psicologica di Barney, da immaturo seduttore a uomo che non deve più “wait for it”?

Il finale della serie lo rende un personaggio banale, che rinuncia ai progressi fatti, torna ad una precedente versione di sé, sforna un altro Playbook… per poi magicamente trasformarsi in “daddy” devoto di fronte alla vista della figlia avuta per sbaglio dalla “numero 31”?

Non è questo il finale scritto nel DNA di Barney Stinson. Il suo personaggio ha già fatto sbagli ed imparato lezioni, ha già sperimentato l’incompatibilità con Robin, ha già cambiato la propria immagine di sé: ha trovato la cravatta giusta, il vestito giusto, la donna giusta.

La sua ridicola ridiscesa negli inferi con neonata ex machina finale è molto più che una pugnalata alle spalle. È la distruzione del personaggio che ha imparato di più durante quei 9 anni.

L’architrave narrativa

how-i-met-your-mother1

Penny: You totally totally totally have 
the hots for Aunt Robin!

Che la narrazione non fosse centrata sulla madre lo si era capito: di fatto Ted racconta ai figli la sua vita da young adult e non come ha conosciuto Tracy.

Ma che il motivo fosse un interesse per la “zia Robin” è completamente incoerente con lo sviluppo di un arco narrativo che lo costruisce e lo modella, lentamente, come l’uomo pronto per conoscere la donna della sua vita.

Robin rappresenta uno step in questo cammino; rivederla cinquantenne e sola, in una casa supertecnologica in compagnia di nuovi cani, ad accogliere Ted e il suo corno blu per l’ennesima volta non è assistere ad un cerchio che si chiude, bensì ad un triste e grottesco rimpasto di ciò che è già stato sepolto.

Che fine ha fatto l’immagine di Robin che levita verso il cielo, e di Ted che capisce che è il momento di lasciarla andare?

Ah, e cosa dice il Bro Code a proposito del frequentare le ex mogli dei migliori amici?

Un’attenuante

6727280013_a66fb37a2d_o

Non potrò mai perdonare Carter Bays e Craig Thomas per aver distrutto una serie tv in un solo episodio.

Posso però giustificare il loro sbaglio con un semplice motivo: hanno scritto e girato il finale nove anni fa, prima ancora di sapere cosa How I met your mother sarebbe diventato. Tanto per capirci, quando hanno girato quella scena Twitter non esisteva ancora.

Negli anni la serie è cresciuta, toccando altissimi livelli di profondità psicologica, freschezza umoristica, creatività nello storytelling e nella regia.

È come se Jovanotti chiudesse un nuovo pezzo con una rappata anni novanta.

Ecco come sarebbe dovuta finire

Barney-Stinson-barney-stinson-30805835-1024-768

Think of me like Yoda, but instead of being little and green, I wear suits and I’m awesome.
Barney Stinson

È facile criticare senza proporre soluzioni alternative. Ecco come sarebbe dovuta finire secondo me.

Ripeto: era chiaro che la storia non girasse attorno alla Mother. Qual è la costante di tutta la narrazione di Ted? Quella con cui la storia inizia e finisce?

Non sono Marshall e Lily, conosciuti ben prima del 2005; non è Robin, che Ted ha esplicitamente superato per andare oltre. La costante di tutta la narrazione è Barney Stinson.

La trasformazione principale di tutta la serie è quella che intercorre nell’asse Mosby – Stinson: il romantico che ha sempre vissuto “con la cintura di sicurezza allacciata” ed il donnaiolo interiormente fragile che si contagiano l’un l’altro un po’ delle rispettive caratteristiche.

Ted impara a lasciarsi andare, pensare meno ed agire di più.

Barney impara ad innamorarsi e non mentire più a se stesso.

Per me c’è un solo modo in cui il personaggio di Barney Stinson avrebbe potuto concludere degnamente la sua parabola: morendo.

Si paragona a Yoda, descrive il proprio funerale (“I’m going out of this world the same way I came into it, buck naked“), indossa sempre vestiti scuri, è l’unico a fare riferimenti religiosi, e quando dorme nel suo suit-jama sembra davvero… morto.

Riferimenti a parte, Barney viene raccontato, nel bene e nel male, come un personaggio esagerato: se c’è una deformazione nel racconto di Ted possiamo proprio pensare alle sue innumerevoli stravaganze, alla ricerca esasperata dell’avventura, del rischio e dell’awesomeness.

Nel finale che avevo in mente la gang si rompe per poi ritrovarsi in occasione della morte di Barney. Il racconto di Ted ai figli è un inno alla vita di Barney, a cosa gli ha insegnato e come lui e il resto della gang lo hanno aiutato a diventare un uomo migliore, un uomo completo, un uomo pronto per la loro madre.

  • Alessio Elpi

    D’accordo sulla tua analisi ma non con il finale da te proposto.

    È palese che la storia è incentrata su Ted e Robin, Barney Lily e Marshall fanno solo da contorno a quello che è il filo conduttore di tutta la serie: Ted che deve trovare la ragazza giusta. La prima puntata infatti mostra come lui ha conosciuto Robin. Se vogliamo fare un paragone con Happy Days, Marshall e Lily rappresentano l’elemento stabile della serie come la famiglia Cunningham, Barney rappresenta l’elemento che da vita alla serie, senza il quale risulterebbe piatta, come Fonzie ma il vero protagonista, quello su cui è focalizzata la serie, come in Happy Days era Richie, in How i met your mother è Ted e la sua ricerca della donna giusta con cui mettere su famiglia.
    Fin dalla prima puntata infatti sembra sia Robin, i due si amano a volte a fasi alterne, altre reciprocamente. Non arrivano a stare l’uno senza l’altra ma non possono neanche stare assieme perché hanno obiettivi diversi: Ted vuole una famiglia mentre per Robin un marito e dei figli rappresenterebbero un ostacolo al suo obiettivo di fare carriera.
    Robin è la ragazza che Ted non avrebbe mai dovuto conoscere e che alla fin fine si è rivelata un ostacolo alla realizzazione del suo obiettivo, con Victoria ad esempio (dopo le due di notte…) e se vogliamo anche con Stella (è per avere la presenza di Robin che ha invitato anche l’ex di Stella ed è stato piantato il giorno del matrimonio).
    Insomma con Robin Ted è imprigionato in una specie di “Friendzone” dalla quale non riesce ad uscire.
    Se fossi stato negli autori, io nel finale avrei fatto morire Robin, magari anche in maniera tragica come un suicidio e la storia di Ted ai suoi figli, avrebbe spiegato loro quanto è stata importante quella donna per lui, prima di incontrare la loro madre.

    • Diciamo, a prescindere da tutto, che forse non è tanto il cosa è successo nella storyline quanto il *come* è stato raccontato, non credi?

  • Antony

    Ragazzi posso dire la mia, mi sono incazzato quando ho sentito i figli dire “nei tuoi racconti la mamma sta alla fine”, e grazie al c####, se no alla prima puntata avrebbe detto come l’ha conosciuta , no tutto il giro fino alla stazione ,deve starci che sta alla fine .Punto 2 cosa ci voleva a tagliare o invertite i due finali , l’alternativo diventava quello ufficiale

    • Giacomo Fantuzzi

      è vero che in una puntata (l’ultima) hanno rovinato una bellissima serie, non solo comica ma in certi tratti anche profonda ed educativa (anche se un po’ calata nella sue ultime stagioni…). Io non avrei fatto morire nessuno e sinceramente non mi è piaciuto neanche il divorzio di Barney e Robin (erano perfetti insieme…) Insomma, io avrei concluso con il classico “e alla fine vissero tutti felici e contenti”… Tra l’altro hanno fatto penare nove anni quel povero Cristo di Ted per trovare l’anima gemella e poi gliela fai morire? Il tutto per un ultimo patetico tentativo di rimettersi con quella stronza, egoista e, diciamocelo, un po’ tr..a di Robin? Ma dai!!!

      • 🙂

      • Antony

        Esattamente, io poi ho odiato il fatto che l’intera stagione (9) ,andava troppo veloce ,il passaggio tra un dialogo e l’altro non era fuido come le altre stagioni .Io l’ho appena finito di rivedere per la 3 volta dalla 1 alla 9, mi sento male ogni volta che la finisco

  • Fabio

    Far morire al moglie di Ted é stata una cazzata. Un personaggio cosí dolce e particolare, fatto morire nell’arco di una puntata é stato piú che stupido, totalmente senza senso.

    • Concordo, anche se la storyline ha ovviamente i suoi tempi realistici la tempistica con la quale vengono presentati allo spettatore lascia un po’ perplessi

  • Marino Bong

    La cosa più buffa è che i figli nelle prime stagioni, erano anche seccati di sentire la storia del padre..

 

Il viaggio di Nabil, un poema contemporaneo sulla migrazione clandestina

«Sorprendente, originale, commovente»
Emanuela Pistone, Isola Quassùd

in anteprima
La tua email e la tua privacy sono sacre per me.